TAB SOCI LATERALE
Sapzio Soci_lan
 

La storia

La Banca di Credito Cooperativo di Triuggio nasce nel 1954 come Cassa Rurale ed Artigiana di Triuggio, espressione concreta dei principi cooperativi della mutualità senza fini di lucro.

I primi soci e beneficiari della sua attività creditizia sono agricoltori ed artigiani locali; nel 1994, a seguito modifica del Testo Unico, la Cassa Rurale ed Artigiana assume l`attuale denominazione di Banca di Credito Cooperativo allargando la compagine sociale anche al resto della cittadinanza.

Opera con sportelli nei comuni di Triuggio, Macherio, Vedano al Lambro, Sovico, Veduggio con Colzano, Biassono, Cassago Brianza, Besana in Brianza, Bulciago, Briosco, Renate, Valmadrera, Oggiono, Barzanò e in tutti i comuni ad essi limitrofi.

Fornisce il più ampio ventaglio di servizi bancari e parabancari, improntando sempre il suo stile al dialogo amichevole con il cliente. Aderisce al Fondo Centrale di Garanzia. E` presente in tutte le strutture del credito cooperativo.

Con una presenza costante ed attiva nella vita economica e sociale della comunità in cui opera si propone quale interlocutore disponibile per le famiglie, gli artigiani, i commercianti e per la piccola e media impresa.

1954
Grazie all`iniziativa di alcuni soci viene costituita la Cassa Rurale ed Artigiana di Triuggio; il primo sportello in grado di offrire servizi bancari nel comune. La società viene costituita con atto pubblico il 27 settembre 1954 n. 24282/14561 a rogito Notaio dr. Cesare Mascheroni in Monza.

1961
La cassa, grazie ai risultati conseguiti, non necessita più dell`assistenza della consorella di Carate Brianza. Nel mese di ottobre gli amministratori decidono di effettuare le prime due assunzioni.

1973
Nell`anno in cui si raggiunge il primo miliardo di impieghi ci si rende conto che la mole di lavoro è notevolmente aumentata e che la sede dell`Istituto, situata al piano terra di un palazzo costruito su iniziativa della Cassa stessa, non è più sufficiente.

1978
Viene inaugurata la nuova sede della Cassa. Al primo piano viene allestita una sala riunioni con 280 posti a sedere; tale ambiente verrà utilizzato non solo dalla banca ma anche da imprese o enti, sia pubblici che privati, organizzatori di convegni e meeting diventando così luogo d`incontro per l`intera zona.

1983
Il 23 aprile si costituisce il "Crea club" con lo scopo di studiare e attuare iniziative assistenziali, ricreative, culturali ed associative a favore dei soci.

1988
Ad Aprile durante l`Assemblea Generale Straordinaria viene sottoposto all`approvazione dei soci il nuovo Statuto Sociale che presenta alcune modifiche. Gli amministratori, valutata la consistenza del patrimonio, prendono in considerazione l`ipotesi di aprire una filiale in un comune limitrofo. In Maggio, l`Assemblea straordinaria del "Crea club" delibera la trasformazione in "Società Cooperativa La Meridiana a r.l.".

1989
Ad Aprile viene aperto il primo sportello nel comune di Sovico, con operatività limitata al solo servizio di Tesoreria Comunale. In luglio la società cooperativa "La Meridiana" acquista l`immobile denominato Villa Biffi.

1991
A Gennaio viene inaugurata la prima filiale della Cassa nel Comune di Macherio.

1992
Viene aperta la seconda filiale della Cassa in Comune di Biassono; contemporaneamente viene installato nei locali della filiale, in collaborazione con l`Amministrazione Comunale di Biassono il "Punto Giallo"; uno sportello automatico in grado di rilasciare certificati anagrafici ai cittadini biassonesi 24 ore su 24.

1993
Viene aperta in Sovico la terza filiale; l`accresciuta operatività porta a numerose assunzioni che obbligano il Consiglio di Amministrazione a sacrificare la Sala Convegni per far posto ad uffici; a giugno in collaborazione con la consorella di Lesmo viene costituita la società Bed Brianza Elaborazioni Dati srl che fungerà da centro servizi per le due banche. Viene installato nella frazione di Tregasio (Triuggio) un secondo punto giallo.

1994
A quarant`anni dalla costituzione, l`Assemblea straordinaria della Cassa approva alcune modifiche allo Statuto che portano fra l`altro alla variazione della denominazione sociale in Banca di Credito Cooperativo di Triuggio; in occasione dell`annuale pranzo sociale vengono conferite ad una decina di soci fondatori e al primo direttore della Cassa una medaglia d`oro quale riconoscimento per la fedeltà ai principi della Cooperazione. Nel mese di Gennaio nell`ottica di migliorare il servizio alla clientela residente nel Comune di Triuggio viene aperta la quarta filiale nella frazione di Tregasio.

1995
Il 6 Maggio l`Assemblea Straordinaria della Bcc di Triuggio adotta il nuovo statuto aggiornato alle disposizioni del Testo Unico delle Leggi in materia bancaria e creditizia emanato il 1 settembre 1993, n. 385. Il 1° Agosto la Banca d`Italia autorizza l`apertura di una Sede distaccata nel Comune di Veduggio con Colzano. L`Assemblea straordinaria dei Soci della Bcc convocata il 2 settembre approva l`istituzione della Sede distaccata e le conseguenti modifiche dello Statuto Sociale.

1996
In Dicembre la filiale di Biassono si trasferisce nel comune di Vedano al Lambro. La nuova localizzazione è una struttura più funzionale e moderna in grado di favorire maggiormente il rapporto con il cliente, anche con opere di lay-out ambientale che stravolgono il tradizionale concetto di "sportello".

1998
Nella suggestiva cornice del borgo di Canonica viene installato un nuovo sportello Bancomat perfettamente integrato con lo stile architettonico degli antichi edifici circostanti. Viene attivato anche un altro Punto Giallo per fornire alla cittadinanza residente la possibilità di ottenere in loco certificati anagrafici.

2000
Ai primi di settembre viene aperta la settima filiale, posta nel comune di Biassono, nella sede di originario insediamento.

2001
Il 29 ottobre viene aperta l'ottava filiale, nel comune di Cassago Brianza (LC). Da questa data la Bcc di Triuggio esce dai confini della provincia milanese.

2003
Viene aperta la filiale di Besana Brianza, in frazione Montesiro dando risposta alle esigenze manifestate dalla comunità locale.

2004
E' l'anno del 50° anniversario. Il 19 giugno viene inaugurato il centro culturale ricreativo Villa Biffi. L'8 ottobre viene aperta la nona filiale in comune di Bulciago.

2005
Il 29 aprile 2005 viene aperto lo sportello di Tesoreria nel comune di Renate. Il 12 Dicembre 2005 viene aperta la decima filiale in comune di Briosco.

2006
Lo sportello di Tesoreria di Renate diviene l'undicesima filiale.

2007
Il 23 novembre l'Assemblea dei Soci delibera l'apertura di una sede distaccata in comune di Valmadrera e la variazione della denominazione sociale in Banca di Credito Cooperativo di Triuggio e della Valle del Lambro società cooperativa, abbreviata in Bcc Valle del Lambro. Lo sportello di Valmadrera è inaugurato il 28 dicembre.

2009
A Luglio, l'Assemblea dei Soci delibera l'apertura di una sede distaccata in comune di Oggiono. A settembre la Sede della Bcc viene trasferita nella storica Villa Biffi di Rancate di Triuggio, in Via Serafino Biffi 8, opportunamente restaurata.

2010
Il 22 Maggio Viene aperta la quattordicesima filiale in comune di Barzanò.

2013
Martedì 12 Febbraio viene a mancare Carlo Tremolada fondatore e per molti anni Presidente della BCC.

Nell'Assemblea ordinaria e straordinaria di maggio 2013, con una partecipazione eccezionale di quasi la metà dei soci della Bcc, vengono apportate alcune modifiche statutarie e vengono rinnovate le cariche sociali. Il nuovo Consiglio di Amministrazione nella sua prima seduta nomina Presidente Silvano Camagni, già per molti anni direttore della Bcc.